Location Ristorante La Chiusa - Asola, in provincia di Mantova
  • Contacts










  • EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

    Location


    Il ristorante La Chiusa si trova al confine tra il mantovano e il cremonese, ad Asola, una tranquilla località della provincia lombarda di Mantova, attraversata dal fiume Chiese che fa da cornice alla location, circondata dal verde e facile da raggiungere.

    Map


    La Chiusa
    Via Parma, 82 46041 Asola (MN)



    To See & To Do


    To Visit


    Cattedrale di Sant’Andrea di Asola

    La cattedrale, dedicata a Sant'Andrea Apostolo e Santa Maria Assunta, divenne solo in seguito la chiesa principale della città. La precedettero la pieve di Santa Maria Assunta, eretta prima del Mille nel borgo di allora, a un chilometro dal centro attuale ed entro le mura quella di Sant'Erasmo.
    Nel 1377, al centro della fortezza, si diede inizio alla costruzione di una seconda chiesa gotica, dedicata a Sant'Andrea Apostolo, la quale si rivelò troppo piccola per le necessità dell'abitato, quindi si decise di ampliarla. Nacque così il tempio attuale, che del precedente conservò soltanto il presbiterio e il campanile. La nuova costruzione, su progetto di Guglielmo Cremonese, fu avviata nel 1472 con la posa della prima pietra. Per coincidenza, nel 1470, anche nella vicina città di Mantova si decise di trasformare la già esistente chiesa di S. Andrea, ma mentre a Mantova l'architetto Leon Battista Alberti creò una delle prime basiliche rinascimentali, ad Asola Guglielmo si attenne alla tradizione, ideando una chiesa gotica in armonia con la precedente, pur se più solenne e grandiosa.
    La fabbrica, fu terminata nel 1514 ma già nel 1501 era stata consacrata.
    Sino a tutto il Settecento la cattedrale fu oggetto di assidue cure e abbellimenti. Nel Cinquecento si arricchì dei numerosi affreschi recentemente rimessi in luce.
    Caduta la Serenissima, per la cattedrale cominciarono tempi difficili, mentre la crisi economico-sociale, che colpì il territorio mantovano durante e dopo il risorgimento, ne impediva persino la normale manutenzione.
    Al degrado del monumento, tra i più cospicui nell'arte lombarda tra gotico e rinascimento, si rimedia dalla seconda metà del Novecento con ampi restauri, accurati recuperi e la salvaguardia delle opere dismesse, per le quali è stato creato accanto al tempio il relativo museo.

    La Rocca di Solferino

    Si tratta di un edificio storico di Solferino, in provincia di Mantova, in Lombardia, situato nei pressi dell'omonimo ossario monumentale e del Museo del Risorgimento di Solferino e San Martino, chiamato anche la “Spia d’Italia”.
    Si suppone ci sia stata un’occupazione etrusca nel V secolo a.C., poi Celti, Galli e Romani. Passato il periodo medievale e dei Comuni fu la volta del dominio dei Gonzaga, che con Cristierno, restaurarono la rocca.
    È stata eretta nel 1022 sulla sommità del colle che sovrasta l'abitato di Solferino, nel tempo assunse valenza strategica per la sua posizione geografica dato che rappresenta il punto più elevato della provincia di Mantova. Cristierno Gonzaga, marchese di Solferino, la restaurò nel 1611.
    Fino al 1866 il confine di stato tra Regno d'Italia e Impero austriaco passava infatti poco lontano da questa fortezza. Nel 1866, in seguito alla terza guerra d'indipendenza, perse questa funzione per l'annessione del Veneto all'Italia.
    Qui ebbe anche luogo la sanguinosa battaglia di Solferino e San Martino del 24 giugno 1859, con scontro armato della seconda guerra d'indipendenza, durante la quale si affrontarono gli eserciti franco-piemontese ed austriaco, che si contesero il controllo della Rocca. La Rocca, dopo un periodo di abbandono, subì importanti restauri nel 1870, quando divenne un museo. Venne restaurata nuovamente nel 2011 in occasione del 150° Anniversario dell'Unità d'Italia.

    Palazzo Guerrieri Gonzaga - Volta Mantovana

    Nello splendido borgo di Volta Mantovana, situato sulle colline moreniche, Celti, Etruschi, Romani, hanno lasciato notevoli resti del loro passaggio oggi conservati nel Museo archeologico di Cavriana.
    Tra la fine del X e gli inizi dell’XI secolo venne inclusa nel sistema economico e difensivo della potente famiglia Canossa, che estendeva il suo dominio dalla Toscana alle colline moreniche mantovane.
    Verso la metà del 1400 Ludovico Gonzaga e la moglie Barbara di Brandeburgo fanno costruire un loro palazzo all’interno del centro fortificato, dove con la famiglia e la corte si recano durante le estati afose della città oppure nei periodi in cui la peste entrava in città.
    Venne donato nel 1515 a Ludovico Guerrieri e, ristrutturato nei corsi dei secoli, rimase di proprietà della famiglia fino al 1800. Nel 1929 a Carlo Cavriani fino alla metà degli anni ’80 quando il Comune lo acquista e lo trasforma in sede comunale.
    Gli interni con affreschi sono pregevoli, specialmente quelli della volta dell’abside dell’Oratorio della Natività di Maria.
    I giardini della villa, in pieno stile cinquecentesco, sono un esempio di tipico giardino all’italiana.

      La Chiusa - P.I. 02032490209 - Powered by: Studio Lomax, Copyright 2020 - Policies

    Versione Internazionale